Come fare un impianto elettrico a Torino

impianto elettrico torino

Hai da poco acquistato una casa o la vuoi ristrutturare e non sai come fare un impianto elettrico a Torino e provincia. Data la complessità del lavoro e la conoscenza richiesta, dovrai necessariamente rivolgerti ad un elettricista esperto.

Vediamo comunque cosa implica la progettazione di un impianto elettrico, come distribuire le prese, i punti luce e a chi affidarti per la tua casa a Collegno o Nichelino.

Impianto elettrico: informazioni basilari

Una delle prime cose da conoscere sugli impianti elettrici è il fatto che si dividono in livelli (in conformità con la norma CEI 64-08):

  • Gli impianti di primo livello (base) prevedono il posizionamento uniforme delle prese, con un numero minimo di prese in cucina e almeno due punti in bagno. Sono poi richieste almeno 6 prese per la TV. L’installazione di un impianto elettrico base permette di evitare incidenti domestici dovuti al malfunzionamento dell’impianto ed un’erogazione di energia costante.
  • L’impianto di secondo livello (standard) presenta un sistema di controllo dei carichi per evitare sprechi di corrente. Con questo tipo aumentano i punti luce ma c’è anche la possibilità di disattivare quelli non importanti, aumentando quindi il grado di sicurezza della casa.
  • Gli impianti di terzo livello (domotico) comprendono l’aggiunta e la gestione dei comandi luce, di impianti antintrusione, termostati e automazione delle tapparelle.

Com’è distribuito un impianto elettrico

La progettazione dell’impianto elettrico segue uno schema in cui sono presenti le varie parti che lo compongono, che sono:

  • il contatore (da 3 a 6kW)
  • una rete di cavi elettrici
  • un quadro generale
  • un salvavita
  • degli interruttori magnotermici
  • le scatole da incasso in cui vanno le prese
  • le scatole di derivazione per collegare i cavi
  • le prese e gli interruttori con le placche

Per funzionare, l‘utenza dovrà allacciare un contratto di fornitura con un ente fornitore dell’elettricità.

Riguardo le prese, queste dovranno posizionarsi a 30 cm da terra o a 1 m o 1,20 m, insieme agli interruttori. ed essere distribuite uniformemente nell’abitazione. Il loro circuito avrà un’intensità di 16 ampère, a differenza di quello da 10 ampère delle luci.

Che si tratti di una casa in ristrutturazione o appena comprata, la distribuzione delle prese di un impianto elettrico dovrà basarsi sul modo in cui si ha intenzione di arredare gli ambienti. Bisogna quindi pianificare in anticipo dove andrà posizionata ogni presa, da quella delle lampade e della TV a quelle degli elettrodomestici, facendo anche attenzione a cosa può nascondersi anche dietro le porte.

Come fare un impianto elettrico a Torino: a chi rivolgersi

Per questioni di sicurezza per sé e per la propria casa e per la sua complessità, non sarebbe mai il caso di realizzare un impianto elettrico da soli. 

Per tutto ciò che concerne la manutenzione e per fare un impianto elettrico a Torino e provincia puoi rivolgerti al nostro elettricista chiamando il 320 450 36 15. In poco tempo riceverai tutte le informazioni sulle tempistiche ed i costi relativi all’intervento. Puoi affidarti al nostro servizio anche per pronti interventi ed emergenze o piccoli guasti.